Buongiorno a tutti,

ho un problema (forse anche più di uno...!) e se possibile chiederei una mano.

Ho un campione di 10 pazienti, e ho sottoposto ciascuno a 2 trattamenti. Ho una lista di indici/valori biologici da prendere dopo ciascun trattamento, e così ho fatto (ad esempio, l'indice XXX dopo il primo trattamento vale YYY e dopo il secondo vale ZZZ). Ora vorrei utilizzare il test t per dati appaiati, per cui ho calcolato le differenze tra valori relativi allo stesso indice (quindi la mia misura diventa YYY-ZZZ). Ripeto per ciascun paziente. Alla fine, l'indice XXX avrà 10 distinti valori, dati da YYY-ZZZ di ciascun paziente. A questo punto posso utilizzare il test t per dati appaiati soltanto se la distribuzione delle mie differenze è normale, e qui ho dei problemi. Ho calcolato la media, la mediana, l'indice di asimmetria e quello di curtosi. So che media e mediana devono coincidere, ma c'è un range entro il quale possono essere considerate accettabilmente diverse? Per l'asimmetria so che deve essere <|1|, mentre per la curtosi, come devo interpretare l'indice? Ho scaricato il software SPSS e vorrei sottoporre i miei dati anche al test di Shapiro-Wilk. Faccio bene o mi incasino?

Qualora poi la distribuzione non risultasse normale, procederei con il test per ranghi di wilcoxon.

GRAZIE MILLE!!

Visualizzazioni: 25

Rispondi

Social

 

Gruppi

© 2017   Creato da Duccio Schiavon.   Tecnologia

Badge  |  Segnala un problema  |  Politica sulla privacy  |  Termini del servizio